Bocconi Sport Team, via il fango e ripartire

//Bocconi Sport Team, via il fango e ripartire

Bocconi Sport Team, via il fango e ripartire

Ci sono sconfitte che insegnano, altre che fanno male. Ci sono sconfitte che non esistono. Ci sono sconfitte lacrime strappa storie. Quella di oggi è una dura lezione per i Polli di Rozzano che vestono i colori del Bocconi Sport Team. Devono guadarsi dentro e cercare la voglia, la grinta, la fame, per ripartire e dare una svolta a questa stagione iniziata con troppe difficoltà. Certo, degli allenamenti specifici aiuterebbero, ma mica siamo in TOP12!

Bocconi Sport Team – Codogno 7-47

Spalti gremiti, i 3 spettatori paganti (nel senso che hanno pagato il caffè in Club House per provare a scaldarsi) dimostrano coraggio e attaccamento ma assistono ad una vera e propria mattanza sotto il diluvio. Codogno troppo in palla o Chicken troppo molle? Il dubbio è lecito, ma una cosa è sicura: i “vecchi” hanno ancora tantissimo da insegnare ai giovani.

Nota: al 7’ del s.t. l’arbitro accusa un malore e le due squadre decidono di proseguire il match facendo arbitrare ai rispettivi allenatori.

Il tabellino

Bocconi Sport Team: Firrito, Loria, Trulli (Tura, Ambrosioni); Tatti (Castelli), Flore; Occhipinti (Zanoni), Circo, Gardin; Garnier, Squassi (Amorelli); Rei, Zonca (Di Giuseppe), Petit (Gallerati), Tumino (Wiedemann), Pilli.
Marcatori: Garnier (m), Pilli (tr).

Nota personale: credo che le pagelle inizino a mettere paura. Lo deduco dell’altissimo numero di palle-uomo che chi scrive ha ricevuto durante tutto il primo tempo. La Questura indaga.

Le sexy pagelle

TOP

FAZZO (Arbitro), 8 – oltre al solito compito di dover inventare e gestire una formazione dalle mille sorprese, si fa apprezzare oggi anche nelle insolite vesti di arbitro. È assolutamente un caso che nei 15’ in cui ha il fischietto in mano la sua squadra realizzi l’unica meta di giornata. Gli avversari hanno da ridire ma l’imparzialità di Mr Fazzo non si discute, come nemmeno il cappello da cow-boy sfoggiato nel prepartita. ZOOLANDER

AMBROSIONI, 9 – MVP. Bello, tanto bello premiare uno dei senatori come migliore di giornata, ma i giovani dove sono?! Ambro prova a dare l’esempio uscendo all’appello in mutande, con discorsi illuminanti prima e azioni scatenate poi. In campo è una furia e gli avversari lo temono, ogni pallone che tocca è una boccata d’ossigeno per la squadra, un po’ meno per lui. A fine partita lo avvisano che c’è un DJ set di Miss Keta alle Rotonde di Garlasco e sparisce, lasciando in sospeso molti punti di domanda. JAMES DEAN

WIEDEMANN, 9 – “la struttura fisica di Philippe non gli permetterebbe di placcare, ma lui è francese e placca lo stesso”, così recitava l’antico adagio. Nel giorno in cui nessuno dei suoi compagni sembra voler farsi male, il giovane transalpino salva due situazioni pericolose con dei placcaggi provvidenziali. Probabilmente adesso sta ancora festeggiando finendo di lavare le sue cose in spogliatoio… BRAD PITT IN “THE SNATCH”

DOWN

Premessa. Dopo una batosta così, tutti meriterebbero di stare tra i peggiori, quindi non prendetevela ragazzi, è solo uno spunto per migliorare!

TUMINO (ala)/ZONCA, 5.5 – (ndr: Tumino/centro: 6.5) dura la vita delle ali in UISP. Il voto è per il senso della posizione ballerino, diciamo così. La voglia c’è, il nervosismo anche, mancano purtroppo l’affiatamento e un paio di pinne per muoversi più agevolmente in questa domenica piovosa. ARCA DI NOE’

CASTELLI, 5 – sguardo perso, gesti scoordinati e una passione viscerale a correre in orizzontale: ecco riassunta la partita odierna del generale Caster. Bei tempi in cui risolveva le partite all’ultimo minuto con mete di forza. Qualcuno lo resetti, altrimenti dobbiamo girare il campo di 90°. LA SIRENETTA

GALLERATI, 5 – partita tosta, meteo avverso: la grande occasione dopo mesi di mugugni a bordo campo. Dopo un riscaldamento iniziato il 27 settembre Sergio è finalmente pronto a dare una mano. Prestazione nella media della squadra, insufficienza per l’eccesso di egoismo nell’unica chiara azione da meta dei Chicken che nega questa gioia ai compagni (a chi scrive in particolare). JOHN (ST)RAMBO

By | 2019-11-26T15:53:01+00:00 novembre 26th, 2019|Senza categoria|0 Comments

Leave A Comment