Chicken u14, forever strong!

//Chicken u14, forever strong!

Chicken u14, forever strong!

I pellegrini del Medioevo si recavano al Sacro Monte di Varese per devozione, ricerca spirituale, o penitenza; ebbene sembra che la trasferta prealpina, sul campo del Varese, sia servita ai Nani di Sem del Chicken Under 14 a ritrovar se stessi, ma mi raccomando: non parliamo di miracolo. Il sole caldo e una piacevole brezza ci accolgono sul campo da gioco ben tenuto e in buone condizioni. I presupposti per vedere una bella partita sono buoni, la precedente contro il Delebio aveva fatto vedere quell’inversione di tendenza che il coach chiedeva, meno individualismi e più gioco di squadra e l’avversario odierno ha il fisico e il gioco. Durante il riscaldamento, il pubblico ha modo di apprezzare il buon palleggio dei ragazzi del Varese.

I primi minuti della partita sono molto intensi con azioni da entrambe le parti. I nostri avanti fanno un gran lavoro contenendo l’avversario e conquistando più volte in mischia ordinata l’ovale. Ed è proprio da una mischia ordinata che la nostra prima linea, Pinna, Romanini e Boiocchi, riesce a tallonare un pallone servito poi a Curti che va in meta sbloccando il risultato. Colombo realizza il successivo calcio di trasformazione portandoci sul 7 a 0. Il Varese cerca di reagire, ma la nostra aggressività su ogni pallone si fa sentire e finalmente riusciamo anche ad esprimere un maggior gioco di squadra, rispetto alle partite precedenti. Segniamo altre due mete con Zapata e realizziamo un calcio con Colombo. Le decisioni arbitrali sono più volte contestate al interno del campo, a bordo campo e anche fuori dal campo di gioco. Questo contribuisce a far aumentare la tensione tra i giocatori che incominciamo ad innervosirsi. Prima che finisca il primo tempo segniamo altre tre mete, due volte Zapata e una volta Mele. Il risultato è pesante Varese 0 – Chicken 29 ma non si può dire che non sia stato un primo tempo combattuto, i nostri avversari sono costretti a un paio di cambio per infortunio.

Il secondo tempo comincia con una meta del Varese, che certo non vuole sfigurare davanti al pubblico di casa e cerca in tutti i modi di rimontare il risultato. I placcaggi si fanno più duri e… più alti. L’arbitro richiama più volte i giocatori di entrambe le squadre al rispetto delle regole; ma i giocatori cominciano a provocarsi a vicenda e più volte in campo s’innescano delle “scintille” tra gli stessi. Coach Samantha è costretta a richiamare diverse volte i suoi Nani che, di fronte alle provocazioni avversarie, si comportano da nani, ovvero reagiscono. Con la tensione ed il nervosismo che la fanno da padroni in campo e purtroppo anche fuori, realizziamo altre quattro mete, due ciascuno per De Nigro e Cisimo, e Zapata trasforma tre calci. Il risultato finale è indiscutibile Varese 5 – Chicken 55 (il video dell’Efferreà).

In questa partita i Nani di Sem hanno dimostrato di aver finalmente ritrovato quella concentrazione necessaria per sviluppare un buon gioco di squadra, purtroppo hanno peccato sulla “tenuta mentale” cadendo nella trappola delle provocazioni che ci ha visto più volte nel secondo tempo rischiare l’ammonizione di alcuni nostri giocatori. C’è chi definisce il rugby uno strumento educativo, che attraverso il contatto fisico permette ai più deboli di superare l’insicurezza e ai più aggressivi di controllare l’esuberanza, ma come tutti gli strumenti occorre saperlo maneggiare, perché il rischio di trasformare il campo di gioco in un campo dove sfogarsi delle proprie insoddisfazioni può diventare alto.

E allora cari Nani, consiglio a tutti voi la visione del film Forever strong (vedi il trailer), che narra la storia vera di Larry Gelwix1 che ha fatto veramente del rugby uno strumento educativo e lascio alle sue parole la conclusione di questo articolo…

“I want you to be forever strong on the field, so that you will be forever strong off the field” tradotto “Io voglio che voi siate sempre forti in campo, in modo tale che sarete sempre forti fuori dal campo”.

Insieme fino alla meta!

written by Lupo

1Larry Gelwix head coach dei Highland Rugby dal 1976 al 2011 con record di partite vinte: 418 vittorie e 10 sconfitte in 35 anni.

By | 2018-01-22T22:47:40+00:00 aprile 13th, 2016|Under14|0 Comments

Leave A Comment