Chicken Under 16, buoni segnali con Codogno

//Chicken Under 16, buoni segnali con Codogno

Chicken Under 16, buoni segnali con Codogno

Vittoria fin troppo facile quella del Chicken Under 16 contro il Codogno. Due parole sul nostro avversario: eroica e generosissima compagine che contribuisce con la sua sportività e passione a fare grande questo sport. Perché capiamo quanto possa essere difficile guardare la classifica da laggiù eppure scendere sempre in campo, lottare su ogni palla, crederci fino in fondo e avere un indomabile tifo del proprio pubblico. Questi sono i valori che rendono grande il rugby e fanno onore al Codogno.

GRAZIE CODOGNO

La cronaca dice – appunto – che per il Chicken è stata una buona occasione per trovare ottimismo, provare giocate, togliersi qualche soddisfazione individuale. Sin dall’inizio mettiamo sotto pressione i nostri avversari e, rubando una palla da mischia, troviamo la prima meta che sblocca il risultato. La sequenza delle nostre giocate è purtroppo micidiale per il Codogno. Andiamo in meta di continuo e con tantissimi realizzatori: Rovaris, Amadei (almeno 4 mete), Zapata, Ferrari (eccellente), Curti e poi altri ancora fino alla soddisfazione personale anche di Caraccini.

Le azioni sono spesso spettacolari: talvolta corali e insistite, altre volte sotto forma di fughe solitarie e inarrestabili sulle fasce. Bravi tutti: bravi a interpretare la partita con la consueta determinazione e ad approfittarne per affinare qualche movimento o conquistarsi un personale momento di gloria. Il Codogno – come detto – non molla comunque mai e va vicinissimo alla meta della gloria: questione di centimetri, con quasi tutta la tribuna che spinge la palla in meta con un tifo unificato. Ma la nostra difesa la pensa diversamente e libera anche questa volta. Insomma, si chiude sul 95 a 0 per noi, con tanta sportività e un morale rinfrancato (anche per qualche risultato non-scontato proveniente dagli altri campi). Un buon allenamento, dunque, per un’ottima giornata di rugby.

Ci teniamo a sottolineare – argomento altre volte un po’ criticato – un grande miglioramento nelle trasformazioni, anche da posizioni non sempre agevolissime e anche con calciatori diversi. Veramente un buon segnale che significa che l’allenamento, alla fine, porta ai risultati sperati. Bravi ragazzi e sempre bravissimo tutto il nostro staff.

By | 2018-01-22T22:47:33+00:00 marzo 7th, 2017|Under16|0 Comments

Leave A Comment