Ticinensis U18, una partita da veri leoni

//Ticinensis U18, una partita da veri leoni

Ticinensis U18, una partita da veri leoni

È trascorsa una sola settimana dalla trasferta della Ticinensis U18 sulle rive del Lario, ma sembrano mesi dal punto di vista meteorologico: siamo infatti passati da una calda giornata di inizio estate ad una tipica del classico autunno padano.

Ticinensis – Lyons 26 – 26

Anche la formazione messa in campo da coach Beppe Sgrò è molto cambiata nel 15 iniziale, vuoi per alcune indisponibilità (compensate da un paio di rientri), vuoi per scelta tecnica.

Tutto ciò non sembra però influire più di tanto sull’atteggiamento dei nostri, che riprendono da dove avevano lasciato: grande pressione ed avversario costretto a difendere nei propri 22. Alterniamo percussioni frontali ad azioni alla mano, ma troppo spesso errori di controllo del pallone vanificano i nostri sforzi. Insistiamo fino a quando Lemorini non trova il varco giusto e deposita sotto i pali la meta del 5-0. Speranza trasforma e siamo 7-0. La reazione degli ospiti è, dopo pochi minuti, vanificata da una buona salita difensiva nella nostra metà camp. Brandani si avventa in un intercetto e di involarsi in mezzo ai pali per la meta, poi trasformata, del 14-0. Fin qui tutto bene, ma qualcosa si guasta. Gli ospiti, stiamo parlando di una squadra che si è guadagnata sul campo l’accesso al girone regionale, prendono in mano il pallino del gioco.

Tanti segnali positivi

La nostra difesa comincia a scricchiolare, siamo in affanno e aumentano gli errori nei placcaggi. Al termine di una lunga serie di azioni alla mano sono bravi a segnare la meritata meta del 14-7, considerando che siamo stati più volte graziati da diversi palloni caduti in avanti a pochi metri dalla nostra area di meta. La marcatura aumenta la spinta degli ospiti, noi fatichiamo in fase di riconquista e a mantenere il controllo dell’ovale. Come logica conseguenza arriva, proprio allo scadere del tempo, la meta del pareggio. Alla ripresa, purtroppo per noi, la musica non cambia: scelte sbagliate che ci hanno portato a giocare ripartenze alla mano anzichè calciare, molta incertezza nei placcaggi, e la crescente sofferenza in mischia portano, come logica conseguenza, la meta del 14-19.

Il vantaggio sembra calmare i Leoni, che hanno in effetti speso molto per ribaltare il risultato, e produce una scossa d’orgoglio nei nostri che non ci stanno a perdere. Da una bella penetrazione centrale di Lemorini, con conseguente, preciso scarico all’accorrente TurboAnzoli, arriva la meta del nuovo vantaggio Ticinese: 21-19. Gli ospiti sembrano accusare il colpo e noi insistiamo. Al termine di una veloce azione alla mano è Orio ad arrivare ad un passo dalla meta prima di essere portato in touche. Poco dopo un insidioso calcio lungo linea di Brandani costringe i difensori ospiti a rifugiarsi in area di meta ed annullare. Dalla conseguente mischia ai 5 metri, è scaltro Tavani a sorprendere tutti fingendo il passaggio e a tuffarsi in meta per il 26-19. Purtroppo la trasformazione si conclude con uno “sdenng” ed il palo che trema negandoci il +9.

Quanti rimpianti

Negli ultimi minuti, con i neri di Settimo che spingono, i nostri ricadono nei medesimi errori visti nella parte centrale della partita. Per ben tre volte non riusciamo a far uscire la palla da raggruppamento o mischia. Sarebbe bastato calciarla fuori per metter fine alle ostilità… E arriviamo all’episodio conclusivo con l’arbitro che vede la meta realizzata attraverso una montagna di corpi. La trasformazione del 26-26 coincide, proprio come nel primo tempo, con il fischio finale.

Rimane il rammarico per una vittoria sfumata all’ultimo, ma nello stesso tempo vi è la consapevolezza di aver affrontato alla pari – noi che siamo ancora in fase di costruzione – una squadra che si propone come una delle più forti del girone. Domenica prossima altra sfida di alto livello: a Rozzano ospiteremo il Sondrio, reduce da due sonanti vittorie nelle prime due giornate.

Luca Brandani

By | 2017-10-24T14:33:46+00:00 ottobre 24th, 2017|Senza categoria|0 Comments

Leave A Comment